Allenamento estivo per il biker

Published on 11-05-2018
Allenamento estivo per il biker
Con l’allungarsi delle giornate il biker-lavoratore ha qualche ora in più da dedicare alla propria passione ma, purtroppo, anche alcuni inconvenienti climatici a cui far fronte.

Uno di questi è proprio il caldo che, come quest’anno, è arrivato all’improvviso stroncando e cogliendo di sorpresa molti bikers.

Innanzitutto cerchiamo di arginare il problema evitando (lavoro permettendo) gli orari più caldi : se abbiamo in programma un’uscita di scarico possiamo effettuarla al mattino presto, meglio ancora se a digiuno per favorire la lipolisi. Se invece vogliamo fare un allenamento di carico dobbiamo adottare alcuni accorgimenti:

  • fare una buona colazione e non eseguire lavori intensi a digiuno;
  • prediligere le ore serali : durante queste ore, infatti, anche se ci sentiamo più stanchi siamo molto più reattivi perché la muscolatura è già attiva da molte ore, inoltre intorno alle 17,30-18 si ha il picco ormonale che predispone il fisico a sopportare al meglio grossi carichi di lavoro.

La cosa migliore sarebbe quella di alternare allenamenti blandi al mattino presto e quelli un po’ più intensi alla sera, mantenendo come sempre le classiche regole per l’estate:

  • bere molto anche al di fuori dell’attività fisica, anche se non si ha sete;
  • aumentare il consumo di frutta e verdura;
  • utilizzare integratori idrosalini

Anche a livello endocrino, l’aumento della temperatura e dell’umidità porta a delle modificazioni nella percezione dell’esercizio fisico (che viene percepito come più pesante) e induce nuovi adattamenti (variazione della termoproduzione, nella produzione di sudore e nell’equilibrio idrosalino).

Detto ciò, essendo nel periodo agonistico, il biker può inserire 1-2 sedute a settimana di carico seguite da dei giorni di recupero attivo se c’è in programma la gara la domenica. A livello di intensità, fare molta attenzione all’andamento della frequenza cardiaca: se vediamo che nonostante l’impegno fa fatica a salire, se dormiamo in maniera irregolare etc.. allora dobbiamo assolutamente calare l’intensità.

Per chi dispone di un misuratore di potenza, meglio calare di una decina di watt i soliti lavori (soprattutto nelle giornate più afose).